lunedì 26 settembre 2016

Messaggio della Madonna di Zaro del 26.09.2016 - dato a Simona

Ho visto Mamma, era avvolta nella luce, il vestito bianco, una cinta d'oro in vita, sul capo la corona di dodici stelle e un velo bianco, sulle spalle un manto azzurro che le scendeva fin giù ai piedi che scalzi poggiavano sul mondo. Il suo volto era triste, gli occhi pieni di lacrime, ma sul viso sempre un sorriso amorevole.

                                                                               Sia lodato Gesù Cristo 


"Cari figli, ancora una volta giungo in mezzo a voi per l'infinita misericordia e l'immenso amore di Dio Padre.

Figli miei, ormai da tempo vengo a voi per chiedervi preghiera, ma ahimè figli miei voi non mi ascoltate, non asciugate  le lacrime dal mio volto, non fasciate le ferite del mio cuore, non vi curate di accogliermi nel vostro cuore, nelle vostre case, non rendete la vostra vita  accogliente per il Signore, rifiutate la sua chiamata, chiudete il vostro cuore al suo amore.

Figli miei, per quanto ancora mi sarà concesso di venire in mezzo a voi per portarvi amore, pace, per condurvi al mio e vostro Gesù.

Vi amo figli miei, vi amo di un amore immenso e come madre vi chiedo: lasciatevi amare, lasciatevi guidare sul sentiero sicuro che conduce al Signore!

Figli miei vi amo, vi prego: pregate, offrite ogni attimo della vostra vita al Signore.

Adesso vi do la mia santa benedizione.

Grazie per essere accorsi a me.

Messaggio della Madonna di Zaro del 26.09.2016 - dato ad Angela

Questo pomeriggio la Mamma si è presentata tutta vestita di bianco. I bordi del suo vestito erano dorati, anche il capo era coperto di bianco. Aveva sul petto un cuore di carne circondato di spine. Le mani giunte in preghiera e sotto i suoi piedi il mondo. Su di esso c'era il serpente che Mamma teneva fermo con il piede destro, aveva la bocca spalancata. La Mamma era triste e il suo volto era rigato dalle lacrime. 

Sia lodato Gesù Cristo 

"Cari figli miei, grazie che anche quest'oggi avete risposto in numerosi a questa mia chiamata. Figli miei, tutto questo mi riempie il cuore di gioia. 
Figli, ormai il mio cuore è straziato dal dolore e piango per ciascuno di voi.
Figli miei, se sono ancora qui in mezzo a voi è perchè vi amo e il mio desiderio più grande è quello di salvarvi tutti.
Figlioli miei, pregate, pregate molto, dedicate parte della vostra giornata alla preghiera. La vostra vita diventi una continua preghiera e imparate a ringraziare Dio per tutto ciò che vi dona.
Figlioli, ancora una volta vengo a dirvi che i tempi sono brevi e che voi non dovete spaventarvi.
Figlioli, pregate molto per la Chiesa e in modo particolare per il Vicario di Cristo. Cibatevi ogni giorno di Gesù, è Lui la sola e unica salvezza; non seguite le false bellezze di questa terra, esse vi ingannano. 
Pregate molto per i sacerdoti: sono i più tentati dal nemico e spesso si fanno accecare da lui,abbandonando la Verità. Solo Dio è verità!"
Poi la Mamma mi ha detto: "guarda figlia". Ho visto come una grande bocca spalancata.
"Ecco, queste sono le porte degli inferi. Le sue porte sono sempre spalancate e sono molto ampie le sue porte. Purtroppo non è Dio che decide di mandarvi lì, ma siete voi con il vostro comportamento e con il vostro rinnegare Dio che decidete di andarvi. 
Pregate figlioli, io sono qui per condurvi tutti in paradiso. Pregate, pregate, pregate.
Oggi benedico tutti gli ammalati e in modo particolare i sacerdoti presenti."
Infine la Mamma ha benedetto tutti.
Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen.

mercoledì 21 settembre 2016

Ritiri per i cenacoli di preghiera


Carissimi amici,
come ogni anno ecco gli appuntamenti mensili di approfondimento per i cenacoli di preghiera "Maria Pellegrina".
Ogni incontro includerà la celebrazione della Santa Messa, la recita del rosario, un momento di formazione e l'adorazione eucaristica.
I ritiri di due giorni saranno articolati diversamente, a seconda del luogo.

8-9 ottobre Ischia
Presso la chiesa della SS. Annunziata a Lacco Ameno dalle 16.30 di giorno 8. La conclusione sarà con la Messa nella chiesa di S. Restituta alle ore 11 di giorno 9.

12 nov 
Presso le Suore Salesiane in via Alvino a Napoli, dalle ore 15.00 alle 19.00.

11 dic
Presso le Suore Salesiane in via Alvino a Napoli, dalle ore 15.00 alle 19.00.

15 gennaio 
Presso le Suore Salesiane in via Alvino a Napoli, dalle ore 15.00 alle 19.00.

11 febbraio 
Presso le Suore Salesiane in via Alvino a Napoli, dalle ore 15.00 alle 19.00.

11-12 marzo Assisi
Dalle 15 di giorno 11 alle 16 di giorno 12.

7 maggio 
Presso le Suore Salesiane in via Alvino a Napoli, dalle ore 15.00 alle 19.00.

3-4 giugno 
Dalle 15 di giorno 3 alle 17 di giorno 4

lunedì 12 settembre 2016

Messaggio della Madonna di Zaro del 08.09.2016 dato ad Angela

Questa sera ho visto Mamma come Regina e Madre di tutti i popoli.
Il suo vestito era rosaceo e sopra aveva un grande mantello verde-azzurrino che la avvolgeva. Anche il capo era coperto dal manto. Tra le mani, Mamma aveva una lunga corona del santo rosario, bianca, di luce. La luce della sua corona illuminava tutti, era splendente. 
La Mamma era triste, sul capo aveva una corona da regina. Mamma era scalza e i suoi piedi poggiavano sul mondo. Alla sua destra c'era San Michele Arcangelo come un grande condottiero, di un armatura sfolgorante e, nella mano destra, aveva una lunga lancia che puntava sull'Italia.

Sia lodato Gesù Cristo 

"Cari figli miei, grazie che avete risposto in numerosi a questa mia chiamata.
Vi amo figli, vi amo immensamente e se sono ancora qui in mezzo a voi è perchè Dio vi ama. Figlioli, se sono qui è per salvarvi.
Imparate ad ascoltare le mie parole, sono parole d'amore. Io non voglio spaventarvi, ma prepararvi alla venuta dei tempi.
Figlioli, questo mondo ormai è ricoperto dal peccato e molti miei figli, si allontanano da me e da mio Figlio ricercando su strade sbagliate la falsa fede. Figli miei, per cercare e trovare la fede, non bisogna andare lontani, leggete ogni giorno la Scrittura e cercate di viverla. Il vero cristiano non è colui che dice credo, ma colui che dimostra il suo credo attraverso le opere e il suo vivere quotidiano.
Figli miei, la terra tremerà, tremerà ancora molto. Pregate, imparate a tenere stretta tra le mani la corona del santo rosario e confidate in Dio. 
Figlioli, oggi passo in mezzo a voi, vi tocco e vi dono un bacio, soprattutto a coloro che me lo hanno chiesto.
Figlioli, imparate a confidare in Dio, buttate su di Lui le vostre ansie, le vostre speranze, i vostri dolori, ogni vostro affanno e Lui, come Padre, vi ascolterà e vi risanerà. Dio è amore!"
Infine la Mamma ha benedetto tutti. Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen.

sabato 10 settembre 2016

Messaggio della Madonna di Zaro del 08.09.2016 dato a Simona

Ho visto Mamma tutta vestita di bianco sfolgorante di luce, i suoi piedi erano scalzi; con il piede destro teneva fermo il serpente che si dibatteva.

Sia lodato Gesù Cristo 

 

"Cari figli amati, vengo ancora una volta a chiedervi preghiera, busso alla porta del vostro cuore e vi prego: apritemi, lasciate che entri a far parte della vostra vita, lasciate che vi conduca a Gesù, fategli  posto nella vostra vita, accoglietelo, amatelo, pregatelo.   

Figli miei amati, tempi duri vi attendono, il male è in agguato in ogni angolo ed è pronto a sbranarvi, a distruggervi, la corona del Santo Rosario è l’arma più forte per combatterlo.

Figli miei confessatevi, partecipate alla Santa Messa, cibatevi di mio Figlio.

Figli miei, duri tempi vi aspettano, non fatevi trovare impreparati, siate pronti con l’arma in mano, siate miei guerrieri  portatori di luce.

Figli miei, la terra tremerà ancora molto: pregate figli, pregate.

Rumori di guerra si odono da lontano:  pregate figli, pregate.

Figli miei il male attanaglia  questo mondo corrotto e sempre più lontano da Dio, sempre più pieno del proprio io.

Figli miei aprite il vostro cuore, lasciate entrare l’amore del Signore, lasciate che lo Spirito Santo vi inondi.

Figli miei, lupi famelici si aggirano intorno a voi e aspettano che vi allontaniate  da me per potervi sbranare; vi prego figli miei  tanto amati, restatemi vicino cosi che io vi copra e vi protegga con il mio manto.

Vi amo figli miei.

Pregate, pregate, pregate.

Adesso vi do la mia santa benedizione.

Grazie per essere accorsi a me."

 

lunedì 29 agosto 2016

Messaggio della Madonna di Zaro del 26.08.2016 - dato a Simona

Ho visto Mamma e aveva un vestito tra il grigio e l’azzurro, il manto sulle spalle le arrivava fin giù ai piedi ed era di un colore grigio cenere e all’interno era blu, sul capo aveva la corona da regina e un velo bianco. Le sue braccia erano aperte in segno di accoglienza, il suo volto era triste e i suoi occhi ricolmi di lacrime.

Sia lodato Gesù Cristo 


"Cari figli, vi amo immensamente.

Figli miei, sono anni che Dio Padre mi permette di discendere in mezzo a voi per aiutarvi, per ammonirvi, per incoraggiarvi, per mostravi la strada che conduce a Lui, ma ahimè figli miei pochi di voi mi ascoltano veramente, pochi sono quelli di voi che giungono qui con vera fede e troppi sono i curiosi; ma, figli miei, in questi tempi duri è la fede ciò che veramente vi serve e non potete aspettare che vi discenda dallalto. 

La fede va coltivata, irrigata con la preghiera e la santa Messa; così come vi prendete cura del vostro corpo prendetevi cura della vostra anima, lavandola con la santa  confessione, e adornatela con le opere di carità.

Figli miei, tutto ciò che sta succedendo è solo l’inizio di tutto ciò che da tempo vi ho annunciato.

Figli miei pregate, pregate, pregate.

Vi amo immensamente, passo tra voi, poggio la mia mano sul capo degli ammalati e dei sofferenti.

Figli miei, nel volto dei fratelli sofferenti c’è il mio Gesù che soffre, ogni cosa che voi fate ad uno di questi piccoli la fate a lui ed Egli vi ricompenserà.

Figli miei vi amo.

Benedico in modo particolare i miei figli prediletti riuniti nel mio bosco benedetto.

Vi amo immensamente e vi voglio portare tutti salvi al mio e vostro amato Gesù.

Adesso vi do la mia Santa Benedizione.

Grazie per essere accorsi a me."

Messaggio della Madonna di Zaro del 26.08.2016 - dato ad Angela

Questo pomeriggio Mamma si è presentata come Mamma e Regina di tutti i Popoli.
Mamma era triste, le lacrime scendevano sul suo volto. Aveva un vestito rosaceo e un grande manto verde azzurrino che la avvolgeva e le copriva anche il capo. Sul capo una corona da regina e, tra le mani, un rotolo mezzo spiegato e una lunga corona del santo rosario, bianco di luce, che le arrivava quasi fin giù ai piedi. I piedi erano scalzi e poggiavano sul mondo.

Sia lodato Gesù Cristo 

"Cari figli miei, grazie per aver risposto in numerosi a questa mia chiamata.
Figlioli, vedervi qui numerosi mi riempie il cuore di gioia.
Grazie figli, grazie. Il mondo ha bisogno di preghiera e ognuno di voi è chiamato alla preghiera.
Figlioli, è da tempo che vi preannuncio tempi duri, ecco, i tempi sono alle porte e ahimè non tutti siete pronti. Molti di voi, nonostante i miei continui richiami, ancora non pregano e, se lo fanno, non lo fanno con il cuore ma con le labbra.
Figlioli, anche oggi vi dico: - siate pronti, non fatevi cogliere impreparati - i tempi sono giunti, sono alle porte, e voi ancora vi perdete in cose futili?
Figlioli amatissimi, io sono la vostra mamma, sono la mamma di ciascuno di voi e il mio desiderio più grande è quello che voi vi salvate. 
Purtroppo, molti di voi sono qui per curiosità, ma io vi amo ugualmente e vi invito alla preghiera e alla conversione. Convertitevi, prima che sia troppo tardi! Il nemico è in agguato e vuole trascinarvi nel peccato e nella perdizione, per allontanarvi dalla grazia e dal mio amore. Confessatevi, la confessione è quel sacramento che vi riconcilia con Dio e vi libera dal male. 
Imparate a sostare in silenzio davanti al tabernacolo, perchè è nel silenzio che Dio parla."
A questo punto è apparsa nel lato destro della Mamma una luce sfolgorante, dalla quale è uscito San Michele Arcangelo. Era vestito come un grande condottiero, aveva nella mano destra una lunga lancia e nella sinistra una bilancia, sopra di essa c'erano delle colombe bianche e un grosso uccello nero si aggirava intorno per prendere le colombe. San Michele ha alzato la lancia, senza colpirlo, e l'uccello è andato via. 
La Mamma ha ripreso dicendo:
"Pregate San Michele Arcangelo in protezione dell'Italia." Ho iniziato a vedere la terra che tremava.....(in particolare il sud Italia). "Figli miei non spaventatevi, Io sono qui per salvarvi e non per distruggervi, sono la Mamma della Misericordia e la Regina di tutti i popoli, sono qui per ciascuno di voi, vi accarezzo e vi tocco."
La Mamma ha pregato sui presenti e in modo particolare sugli ammalati. 
"Figli miei, non scoraggiatevi delle prove che vi vengono date, ma pregate e confidate in Dio."
Infine la Mamma ha benedetto tutti. Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen.